5. Nel suddetto periodo invernale si dica prima di tutto per tre volte il versetto: “Signore, apri le mie labbra e la mia bocca annunzierà la tua lode”,
6. a cui si aggiunga il salmo 3 con il Gloria;
7. dopo di questo il salmo 94 cantato con l’antifona oppure lentamente.
8. Quindi segua l’inno e poi sei salmi con le antifone,
9. finiti i quali e detto il versetto, l’abate dia la benedizione e, mentre tutti stanno seduti ai rispettivi posti, i fratelli leggano a turno dal lezionario posto sul leggio tre lezioni, intercalate da responsori cantati.
10. Due responsori si cantino senza il Gloria, ma dopo la terza lezione il cantore lo intoni
11. e allora tutti subito si alzino in piedi per l’onore e la riverenza dovuti alla Santa Trinità.
12. Quanto ai libri da leggere nell’Ufficio vigilare, siano tutti di autorità divina, sia dell’antico che del nuovo Testamento, compresi i relativi commenti, scritti da padri di sicura fama e genuina fede cattolica.
13. Dopo queste tre lezioni con i rispettivi responsori, seguano gli altri sei salmi da cantare con l’Alleluia
14. e dopo questi una lezione tratta dalle lettere di S. Paolo, da recitarsi a memoria, il versetto, la prece litanica, cioè il Kyrie eleison,
15. e così si metta fine all’Ufficio vigilare.

Questa parte della Regola viene letta dai monaci in queste date:

11 febbraio

12 giugno

12   ottobre

Pin It on Pinterest

Share This
×

Ciao!

Clicca qui per mandare un messagio o invia una email a gualdi@gianbattista.it

×