51. Il settimo grado dell’umiltà consiste non solo nel qualificarsi come il più miserabile di tutti, ma nell’esserne convinto dal profondo del cuore,
52. umiliandosi e dicendo con il profeta: “Ora io sono un verme e non un uomo, l’obbrobrio degli uomini e il rifiuto della plebe”;
53. “Mi sono esaltato e quindi umiliato e confuso”
54. e ancora: “Buon per me che fui umiliato, perché imparassi la tua legge”.

Questa parte della Regola viene letta dai monaci in queste date:

4 febbraio

5 giugno

5 ottobre

Pin It on Pinterest

Share This
×

Ciao!

Clicca qui per mandare un messagio o invia una email a gualdi@gianbattista.it

×