56. Il nono grado dell’umiltà è proprio del monaco che sa dominare la lingua e, osservando fedelmente il silenzio, tace finché non è interrogato,
57. perché la Scrittura insegna che “nelle molte parole non manca il peccato”
58. e che “l’uomo dalle molte chiacchiere va senza direzione sulla terra”.

Questa parte della Regola viene letta dai monaci in queste date:

6 febbraio

7 giugno

7 ottobre

Pin It on Pinterest

Share This
×

Ciao!

Clicca qui per mandare un messagio o invia una email a gualdi@gianbattista.it

×