Prologo

45. Bisogna dunque istituire una scuola del servizio del Signore

46. nella quale ci auguriamo di non prescrivere nulla di duro o di gravoso;

47. ma se, per la correzione dei difetti o per il mantenimento della carità, dovrà introdursi una certa austerità, suggerita da motivi di giustizia,

48. non ti far prendere dallo scoraggiamento al punto di abbandonare la via della salvezza, che in principio è necessariamente stretta e ripida.

49. Mentre invece, man mano che si avanza nella vita monastica e nella fede, si corre per la via dei precetti divini col cuore dilatato dall’indicibile sovranità dell’amore.

50. Così, non allontanandoci mai dagli insegnamenti di Dio e perseverando fino alla morte nel monastero in una fedele adesione alla sua dottrina, partecipiamo per mezzo della pazienza ai patimenti di Cristo per meritare di essere associati al suo regno.

Fine del Prologo

Questa parte della Regola viene letta dai monaci in queste date:

7 gennaio 8 maggio 7 settembre

Pin It on Pinterest

Share This
×

Ciao!

Clicca qui per mandare un messagio o invia una email a gualdi@gianbattista.it

×