31. Il secondo grado dell’umiltà è quello in cui, non amando la propria volontà, non si trova alcun piacere nella soddisfazione dei propri desideri,
32. ma si imita il Signore, mettendo in pratica quella sua parola, che dice: “Non sono venuto a fare la mia volontà, ma quella di colui che mi ha mandato”.
33. Così pure un antico testo afferma: “La volontà propria procura la pena, mentre la sottomissione conquista il premio”.

Questa parte della Regola viene letta dai monaci in queste date:

30 gennaio

31 maggio

30 settembre

Pin It on Pinterest

Share This
×

Ciao!

Clicca qui per mandare un messagio o invia una email a gualdi@gianbattista.it

×